La zona di Scari, nei pressi del molo commerciale, con la spiaggia di sabbia nera vulcanica

La più lontana dalla costa siciliana, raggiungibile per prima, all’alba, rispetto alle altre, da Napoli con una comoda nave notturna, è un’isola per pochi nonostante ad agosto riceva la visita giornaliera di migliaia di persone. Quella è solo apparenza : Stromboli, invece, è vita da vivere a stretto contatto con il respiro di uno dei vulcani più attivi al mondo. I suoi boati, unitamente alle sue eruzioni, giochi pirotecnici naturali, dal calar della sera , stupiscono e inquietano chi sbarca per la prima volta nell’isola nera, meta prediletta di chi sa rispettare e apprezzare l’anima riservata e selvaggia del luogo.

Il cielo notturno, poi, è una delle cose più strordinarie : indisturbato dall’inquinamento luminoso ( c’è la corrente elettrica ma manca l’illuminazione pubblica per scelta) lascia brillare più stelle che altrove. Come non innamorarsi di Stromboli : lo sanno bene l’ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, gli stilisti Dolce & Gabbana e Armani, il regista Paolo Sorrentino e tanti altri personaggi alla ricerca del buen retiro estivo. Come per Panarea, gli unici mezzi ammessi , in grado di insinuarsi negli stretti vicoli del paese sono delle golf car adibiti a taxi elettrici e le moto ape che accolgono gli ospiti al molo per accompagnarli in albergo. Una passeggiata bellissima è quella lungo la via Vittorio Emanuele , la stradina che dalla piazza centrale arriva fino alla spiaggia di Piscità. Prima è d’obbligo una sosta sulla piazza , un suggestivo belvedere sul mare e sull’isolotto basaltico di Strombolicchio. Sembra di stare dentro un dipinto.

Se il vulcano è la star dell’isola , il mare non è però da meno. Le destinazioni in barca sono tante e gli spettacoli di cui godere molteplici. Oltre allo stesso Strombolicchio, sede di un antico faro, la Sciara del Fuoco, dove si riversa la lava si staglia in tutta la sua impressionante imponenza. Una delle destinazioni più amate è l’esclusiva spiaggia di Forgia Vecchia . Ed ancora, le soste per i bagni più belli sono a Punta Lena e Punta Chiappe e alle piscine naturali vicino Ginostra Dall’altra parte della costa c’è il borgo raggiungibile solo via mare di Ginostra.

Ecco, Ginostra. E’ un villaggio di pace e tranquillità con i muli a trasportare dal molo all’abitato le merci . Non ci sono spiagge ma angoli tra scogliere dove fare il bagno dona sensazioni uniche. E poi , i fondali…anche qui da scoprire…